Promozione

Promozione digitale o tradizionale?

Promozione digitale o tradizionale? PIO è andato a chiederlo ai visitatori di Smau Bologna e le risposte sono state molto interessanti. A preferire maggiormente la promozione digitale sono gli uomini over 30, le donne della stessa fascia d’età hanno ancora delle reticenze a staccarsi dai canali tradizionali. Ci hanno sorpreso le differenze che sono emerse  per quanto riguarda le categorie merceologiche di maggiore interesse: gli uomini sembrano maggiormente interessati all’elettronica e alla ristorazione e le donne più propense al settore abbigliamento.

La maggior parte delle persone chiede di non ricevere più di 5 notifiche al giorno. Il sondaggio ha evidenziato anche un interesse generale nell’aderire ai programmi fedeltà. Praticamente tutte le persone intervistate hanno detto di essere iscritte ad almeno un programma fedeltà. La fascia maschile sembra leggermente più propensa al fidelity program digitale.

LEGGI ANCHE: L’App Pio è pronta a conquistare Smau Bologna

Un recente sondaggio condotto da Survey Sampling International (SSI) ci fornisce dati a supporto di queste risposte. In Italia gli uomini che acquistano online sono sempre in maggioranza rispetto alle donne (il 61,3% contro il 38,7%). L’Italia risulta la nazione con la minor partecipazione al femminile nello shopping online. Il paese dove c’è più parità di genere rispetto al fenomeno e dove le donne sono più attive è invece la Spagna (uomini al 53,8% e donne al 46,2%). Nella distribuzione geografica, la situazione rimane invariata rispetto allo scorso anno e mostra sempre una correlazione tra frequenza di acquisto e grandezza delle città. Più grande è il centro urbano, maggiore è la concentrazione di consumatori digitali intensivi: è quanto accade in città come Milano o Roma. Nei centri più piccoli, quelli che hanno una popolazione inferiore  a 10 mila abitanti, gli acquisti on line sono sporadici.

Promozione

LEGGI ANCHE: Fidelity Program: Acquisire clienti a costo zero

Per quanto riguarda le aree merceologiche di maggior interesse, secondo l’azienda leader nelle ricerche ,  i consumatori digitali italiani sono maggiormente orientati verso il settore cultura e intrattenimento  per il 65%, ma anche abbigliamento (al 64%) e elettronica (sempre al 65%).

Secondo il Survey Sampling International la principale motivazione che spinge un consumatore a scegliere l’e-commerce  è il prezzo. E’ idea generale di tutti ritenere il web più vantaggioso economicamente, ragion per cui il comparatore di prezzi rappresenta una leva rilevante nella comunicazione.